Chi sono 2017-01-13T14:58:04+00:00

Traduzioni Polacco

Di nascita polacca, di scelta italiana, due nazionalità, due lingue, un’unica vita

Tutto si completa.

Più che traduttrice mi definirei come qualcuno a cui dare fiducia, un’amica, una conoscente. Trovo soddisfazione nel fatto che questo lavoro, possegga un profondo senso di collaborazione e di complicità che va oltre alle parole soltanto nel loro significato; tradurre è trasformazione creativa,  capacità interpretativa, semplicità nell’espressione di idee, concetti,  pensieri.

Rendermi utile alle persone, affiancandole nello sviluppo dei  loro business, nel raggiungimento dei loro obiettivi attraverso questa attività, è ciò che mi gratifica maggiormente.

Divento insomma la loro voce.

Le traduzioni scritte e quelle “dal vivo” sono due mondi uguali e diversi allo stesso tempo; le prime hanno una modalità di approccio piuttosto statico, che richiede capacità di solitudine, molta interiorità e tanto silenzio; le seconde, meglio conosciute come interpretariato, sono  invece dinamiche, attive e reattive e ti costringono ad affrontare le sfide nel momento stesso in cui operi, nel momento in cui esse si presentano e non esistono “poi”.

Tutto è maledettamente immediato.

Questa attività, apparentemente semplice per i non addetti ai lavori, richiede invece tanta preparazione, concentrazione e massima capacità di sintesi. Immediata.

Ed è per questi motivi,  per queste difficoltà, per questi mille imprevisti  che amo lavorare a contatto con le persone, con i loro pensieri, il loro vissuto ed i loro progetti.

La lettura, il libro, rappresentano a mio parere la massima espressione del conoscere e della conoscenza e la sua trasposizione da una lingua ad un’altra, a volte ne impreziosisce il valore senza modificarne il significato ed il concetto.

Nel mio caso, dunque,  il mondo delle traduzioni linguistiche, rappresenta una reale e tangibile opportunità di “dire” e di “fare”. Mi auguro che tutto ciò possa condurmi alla realizzazione della visione che ho  della mia “azienda” tra 5, 10, 15 anni, laddove vita privata e professione si fondono e dove il confine tra due lingue e due mondi differenti diventi invece un tutt’ uno.


[cml_media_alt id='85']Desktop 002[/cml_media_alt]LA MISSIONE: PIÚ CHE UN TRADUTTORE

Il rapporto fra traduttore e cliente/azienda è ricco di opportunità. Il segreto è guardare al ruolo del traduttore in chiave moderna, valorizzandolo attraverso il suo contributo nel processo di internalizzazione delle aziende.

LA VISIONE : COSA PUÓ DARE AD UN’IMPRESA OGGI UN TRADUTTORE

Con le sue competenze linguistiche ed interculturali,  le due aree aziendali alle quali il traduttore può operare efficacemente per rispondere alle esigenze delle imprese nel loro processo di internalizzazione, sono essenzialmente il marketing e le vendite.

In un mondo in cui tutte le aziende  devono pensare se stesse in una dimensione internazionale, un professionista che sappia abbinare la competenza linguistica a quelle tipiche del marketing e delle  vendite, può essere di grande aiuto nella crescita di un’azienda. Non vi è strategia di successo in queste attività senza una padronanza del linguaggio e della cultura dei partner stranieri.

I VALORI: LUNGI DALL’ESSERE LASCIATI AL CASO O ALL’IMPROVVISAZIONE

Saper affiancare con professionalità e consapevolezza il cliente nella  conduzione degli affari con i partner stranieri, non solo valorizza il ruolo del traduttore ma lo fa diventare parte integrante ed attiva dello sviluppo internazionale di un’azienda. Il raggiungimento degli obbiettivi, il miglioramento dei risultati, la collaborazione ed il sostenimento  reciproco,  fanno si  che entrambe le parti contribuiscono in modo attivo allo sviluppo ed al successo di un’azienda.

 


Certificazione di Italiano come Lingua Straniera